Setup Menus in Admin Panel

Caso Accusativo – sintassi dei casi

Sintassi dei casi: il caso dell’accusativo

 

La sintassi dei casi resta un appuntamento imperdibile per chiunque voglia confrontarsi con uno studio del latino che punti al contesto fraseologico.
In altre parole, dopo aver familiarizzato con le regole riguardo le diverse parti variabili del discorso, si inizia a considerare alcune strette dipendenze degli elementi della frase in accordo tra loro.
Esamineremo da vicino il caso dell’accusativo che, se preso sotto gamba, può rivelarsi insidioso.

 

L’accusativo è il caso del complemento oggetto e degli elementi che a questo si riferiscono: attributo, apposizione, complemento predicativo dell’oggetto.

 

Iniziamo con le differenze con l’italiano laddove esistono verbi intransitivi in italiano ma transitivi in latino che si costruiscono dunque con l’accusativo:

 

fugio: sfuggo a

iuvo, audiuvo: giovo a

deficio: manco a

abdico: rinunzio a

ulciscor: mi vendico di

 

Quindi, in latino troverai questi verbi seguiti dall’accusativo. E dovrai renderli adeguatamente nella traduzione italiana: tradurre non significa comportarsi come Google Translate che semplicemente trasporta una parola da una lingua ad un’altra; piuttosto implica uno sforzo in più, significa saper rendere quei significati in un diverso contesto linguistico

 

Procediamo in questa direzione accostandoci ora a quei verbi intransitivi in italiano – e propriamente anche in latino – che possono costruirsi con l’accusativo di relazione, corrispondente ai costrutti italiani «quanto a, relativamente a, per quanto riguarda» e simili.

 

Si comportano in questo modo

 

i verbi affectuum, che esprimono un sentimento dell’animo:

doleo: mi dolgo

fleo: piango

horreo: ho orrore

 

i verba sentiendi:

oleo, redoleo: ho odore

sapio, resipio: ho sapore

 

i verbi con l’accusativo dell’oggetto interno:

cenare cenam

vivere vitam

pugnare pugnam

 

L’accusativo può inoltre esprimere estensione nel tempo, dunque tradurre il complemento di età; in questo caso.

– accusativo del numero cardinale accompagnato dal participio natus concordato con il termine cui è riferito (anni compiuti)

– accusativo del numero ordinale, aumentato di un’unità accompagnato dal participio agens concordato col sostantivo cui si riferisce (anni da compiere)

– genitivo accompagnato dal sostantivo puer – ragazzo di 10 anni

Senza dimenticare che l’accusativo può esprimere estensione nello spazio, oltre che nel tempo, esprimendo le dimensioni di un corpo (lunghezza, larghezza, altezza e profondità):

– accusativo, se dipende da aggettivi come longus e altus

– genitivo, se dipende da un sostantivo.

 

Infine lo possiamo trovare all’opera nelle esclamazioni per esprimere meraviglia, dolore, sdegno preceduto da heu, o

Heu me miserum!

 

Per completare la nostra frequentazione dell’accusativo, dobbiamo poi riferirci inesorabilmente ai verbi impersonali – sia relativamente che assolutamente – e a quei verbi che reggono il doppio accusativo…

Greco e latino Copyright © 2019 Service hde P.IVA 07611461216 Tutti i diritti riservati

      logo service hde piccolo PayPal_carte di credito