Setup Menus in Admin Panel

Come nascono le parole in greco

La formazione delle parole nella lingua greca

 

Ci capita di pensare le parole in adeguata analogia con pezzettini di lego, da un lato derivati di un processo di fabbricazione dall’altro elementi componibili.
In questo modo ci sembra di assolvere a quella formazione delle parole tanto per derivazione quanto per composizione come accade nelle lingue indoeuropee.

Parliamo di formazione per derivazione quando si aggiungono al tema o alla radice dei suffissi che indicano ancora meglio il significato delle parole.
Nella formazione per composizione si uniscono due o più temi che formano una sola parola – in questo caso possono verificarsi mutamenti derivati dall’incontro/scontro di vocali e consonanti.

Dopo questo sintetico cappello, è arrivato il momento di considerare da vicino quanto esposto.

 

Formazione per derivazione

È il caso delle parole definite derivate o semplici che si distinguono in:

  • Parole primitive, formate dalla sola radice senza alcun suffisso come

θήρ, bestia  – tema θήρ-

ναῦς, nave – tema ναῦ

 

  • Parole deverbative, formate con un solo suffisso da un tema verbale

αρχ-ή, principio – tema αρχ- dal verbo αρχω

λόγ-ο-ς, parola – tema λέγ- del verbo λέγω

 

  • Parole secondarie o denominative, formate dal tema di un nome (derivato a sua volta da un tema verbale) mediante un secondo suffisso:

αρχ-α-ῖος da tema αρχ- dal verbo αρχω

 

Formazione per composizione

Nel caso della formazione per composizione, due elementi possono combinarsi in vario modo così da formare una sola parola. È il caso più vicino al modello lego cui abbiamo fatto riferimento in apertura di scheda. Le parole possono essere composte così da

 

  1. Tema verbale + tema nominale

μισάνθρωπος = misantropo

 

  1. Tema nominale + tema verbale

πολιορκέω = assedio la città

 

  1. Tema nominale + tema nominale

βιβλιοθήκη = biblioteca

  1. Preposizione + tema nominale o verbale

προφήτης = profeta

 

  1. Prefisso + tema nominale o verbale

δύσελπις = disperato

 

  1. Avverbio + tema nominale o verbale

εύελπις = di buone speranze

 

Ti invitiamo a riscrivere queste parole sul tuo quaderno indicando con un trattino i due elementi che le compongono. Inviaci la foto e seguiteremo a darne pubblicazione sul nostro sito!

 

Con questa scheda sulla natura delle parole nella lingua greca abbiamo voluto rimarcare come già dalla loro forma possiamo metterci al vocabolario con qualche competenza in più, facendo molta più attenzione al modo con il quale esse si presentano. Semplicemente, abbiamo preferito fornire uno strumento utile nell’esercizio della traduzione.

20 Marzo 2019

Greco e latino Copyright © 2019 Service hde P.IVA 07611461216 Tutti i diritti riservati

      logo service hde piccolo PayPal_carte di credito