Il pronome relativo in latino

Share with:


Il pronome relativo in latino

Abbiamo provato a condensare tutti i riferimenti utili per una buona traduzione del pronome relativo, dalla lingua latina a quella italiana.
Per questo motivo ti consigliamo di fortificare la tua relazione col pronome più relazionale di tutti: cos’è il pronome relativo??
I pronomi relativi, stando al posto di un elemento (un nome, un pronome o una frase) della proposizione reggente (detta antecedente), la mettono in relazione con una proposizione subordinata.
In italiano viene indicato facendo riferimento a “quale” preceduto dagli articoli e dalle preposizioni articolate; trovano parimenti spazio “che” (per soggetto e compl. oggetto) e “cui” (altri complementi), pronomi relativi invariabili.

Per non incappare nella confusione tra “che” congiunzione e “che” pronome relativo, il nostro consiglio sta nel
giocare alla sostituzione, vale a dire provare a sostituire quel “che” col pronome relativo. Ad esempio in frasi come
“Ho detto che oggi è martedì” la sostituzione ci permette infatti di riconoscere il “che” in quanto congiunzione,
che introduce altresì una infinitiva.
Se in italiano la concordanza si limita al genere e al numero, il latino si complica del caso.
Bisogna quindi stare molto attenti a non farsi ingannare dalle circostanze!

NOTA BENE. In latino la concordanza è rispettata per genere e numero. Quanto al caso, dipende dalla funzione logica che il pronome svolge nel suo contesto fraseologico.

 

Prospetto del pronome relativo latino “qui quae quod”

 

Caso Maschile Femminile Neutro
Nom Qui Quae Quod
Gen Cuius Cuius Cuius
Dat Cui Cui Cui
Acc Quem Quam Quod
Abl Quo Qua quo
Singolare               ↑
Nom qui Quae Quae
Gen Quorum Quarum Quorum
Dat Quibus Quibus Quibus
Acc Quos Quas Quae
Abl Quibus Quibus quibus
Plurale               ↑

 

In altre parole, ti chiediamo di fare parecchia attenzione perché nel caso stesso potrai riconoscere una spia
per rilevare numero e genere, caratteri altrettanti decisivi di ogni declinazione.
Ancora una volta è il potere delle concordanze a spingerci sulla strada giusta, a dare valore alle nostre ipotesi di ricostruzione della
frase, prima in latino e poi in italiano. E sì, perché la giustezza di una traduzione si misura nell’equilibrio tra
le parole già nella versione in latino. Il caso del pronome relativo per il latino non si limiterebbe a quanto
presentato fin qui, bensì si estenderebbe ad altre due faccende sulle quali vi chiediamo di vigilare con la
massima attenzione.

 

Antecedente (determinativo o dimostrativo) del pronome relativo

Se in italiano possiamo ricorrere al pronome misto “chi”, in latino un pronome determinativo o dimostrativo, quando è l’antecedente di un relativo, di norma è espresso se svolge una funzione logica diversa dal relativo. Invece è omesso se svolge la stessa funzione del relativo:

Amo chi inganna gli amici = amo eum, qui amicos decipit

Chi inganna gli amici è bello = qui amicos decipit, pulcher est

 

Il nesso relativo

Spesso e mal volentieri possiamo trovare, all’inizio di una proposizione o di un periodo, un pronome relativo che riprende un termine precedente pur non introducendo una subordinata relativa: in questo caso il pronome si comporta come un determinativo/dimostrativo preceduto da una congiunzione coordinante.

 

Per una buona traduzione delle versioni di latino, ti suggeriamo di leggere anche “Le proposizioni relative proprie improprie e apparenti“.

Share with:


0 responses on "Il pronome relativo in latino"

Leave a Message

Greco e latino Copyright © 2019 Service hde P.IVA 07611461216 Tutti i diritti riservati

      logo service hde piccolo PayPal_carte di credito