Verbi latini anomali

Verbi latini anomali: verbi latini che hanno una coniugazione irregolare

 

In questa scheda analizziamo i verbi latini anomali, ovvero quei verbi della lingua latina che hanno una coniugazione irregolare e, per questo motivo, sono detti anomali.
Essi vengono definiti anche semi-atematici, perché, in molte voci derivate dal tema del presente, non hanno la vocale tematica. L’assenza della vocale tematica caratterizza l’indicativo presente (seconda e terza persona singolare e seconda persona plurale), l’imperativo presente e futuro, l’infinito presente e il congiuntivo imperfetto.
I tempi derivati dal tema del perfetto e dal supino sono invece regolari.

 

Oltre a sum, i verbi anomali latini sono:

  • Volo, vis, volui, velle = volere
  • Nolo, non vis, nolui, nolle = non volere
  • Malo, mavis, malui, malle = preferire
  • Fero, fers, tuli latum, ferre = portare, produrre
  • Fio, fis, factus sum, fieri = essere fatto divenire
  • Eo, is, ii (o ivi), itum, ire = andare
  • Edo, edis, esum, edĕre = mangiare

Anomali sono anche i loro composti.

 

 

VOLO, NOLO, MALO verbi latini anomali… molto frequenti!

 

“Volo” presenta un’alternanza vocalica nella radice tra o, e, u (vol-, vel-, vul-) a seconda del fonema che segue la l: troviamo infatti vol- prima di a, e, o, u (volam, voles, volo, volumus, ecc.); vel- prima di i o di altra l (velim, vellem ecc.); vul- prima di consonanti diverse dalla l (vulti ecc.).

Altre particolarità di questo verbo sono:

  • il participio presente volens, che ha valore di aggettivo e assume il significato di “benigno”;
  • le forme di cortesia “si vis”, “si vultis” (se vuoi, se volete), che si trovano anche nella forma contratta sis, sultis;
  • la forma visne? (vuoi?), che si può trovare contratta in vin?;
  • le forme arcaiche volt e voltis per vult e vultis; Nolo nasce dalla fusione di non + volo; in alcune forme la negazione rimane staccata dal verbo: non vis, non vult, non vultis. Malo nasce dalla fusione di magis + volo (voglio di più = preferisco).

 

 

INDICATIVO PRESENTE

VOLO – volo vis vult volumus vultis volunt

NOLO – nolo non vis non vult nolumus non vultis nolunt

MALO  – malo mavis mavult malumus mavultis malunt

IMPERFETTO

volebam volebas … nolebam nolebas … malebam malebas …

FUTURO

volam voles volet … nolam noles nolet … malam males melet …

CONGIUNTIVO PRESENTE

velim velis velit velimus velitis velint

nolim nolis nolit nolimus nolitis nolint

malim malis malit malimus malitis malint

IMPERFETTO

vellem velles vellet …

nollem nolles nollet …

mallem malles mallet …

IMPERATIVO

PRESENTE (manca) noli nolite (manca)

FUTURO (manca) nolito nolitote (manca)

INFINITO PRESENTE

velle nolle malle

PARTICIPIO PRESENTE

volens, -entis nolens, -entis (manca)

 

Fai attenzione perché…

  • Volo, nolo e malo sono anche verbi difettivi, mancano cioè di alcune forme: il gerundio, il gerundivo, il supino e i tempi da esso derivati. Inoltre soltanto nolo ha l’imperativo.
  • Non sono usate le forme passive.
  • Noli/nolite + infinito presente rappresenta uno dei modi per esprimere un comando negativo alla seconda persona singolare o plurale.

 

 

FERO E I SUOI COMPOSTI: un verbo latino anomalo e complesso

 

Il verbo fero, fers, tuli, latum, ferre (“portare”, “sopportare”, “produrre”) si forma a partire da tre diversi temi verbali:

  • Tema del presente: fer-
  • Tema del perfetto: tul-
  • Tema del supino: lat

Come gli altri verbi latini anomali, anche fero presenta forme prive della vocale tematica, precisamente davanti a desinenze che cominciano per -s-, -r-, -t-:

− indicativo presente (seconda e terza persona singolare attive e passive, seconda persona plurale attiva);

− congiuntivo imperfetto attivo e passivo;

− imperativo presente attivo e passivo (tranne la seconda persona plurale passiva);

− imperativo futuro;

− infinito presente attivo e passivo.

Tutte le altre forme derivate dai temi del perfetto e del supino sono regolari.

Il perfetto tuli, anticamente tetuli, è di per sé il perfetto del verbo tollo (“alzo”), ma viene usato come perfetto di fero in assenza di un tema del perfetto derivato dalla radice fer-.

Il verbo tollo ha passato a fero sia il perfetto tuli sia il supino latum.

 

INDICATIVO

PRESENTE

Attivo: Fero Fers Fert Ferimus Fertis Ferunt

Passivo: Feror Ferris Fertur Ferimur Ferimini Feruntur

IMPERFETTO

Attivo: Ferebam Ferebas Ferebat Ferebamus Ferebatis Ferebant

Passivo: Ferebar Ferebaris Ferebatur Ferebamur Ferebamini Ferebantur

FUTURO SEMPLICE

Attivo: Feram Feres Feret Feremus Feretis Ferent

Passivo: Ferar Fereris Feretur Feremur Feremini Ferentur

PERFETTO

Attivo: Tuli Tulisti Tulit Tulimus Tulistis Tulerunt

Passivo: Latus, -a, -um sum es est Lati, -ae, -a sumus estis sunt

PIUCCHEPERFETTO

Attivo: Tuleram Tuleras Tulerat Tuleramus Tuleratis Tulerant

Passivo: Latus, -a, -um eram eras erat Lati, -ae, -a eramus eratis erant

FUTURO ANTERIORE

Attivo: Tulero Tuleris Tulerit Tulerimus Tuleritis Tulerint

Passivo: Latus, -a, -um ero eris erit Lati, -ae, -a erimus eritis erunt

CONGIUNTIVO

PRESENTE

Attivo: Feram Feras Ferat Feramus Feratis Ferant

Passivo: Ferar Feraris Feratur Feramur Feramini Ferantur

IMPERFETTO

Attivo: Ferrem Ferrs Ferret Ferremus Ferretis Ferrent

Passivo: Ferrer Ferreris Ferretur Ferremur Ferremini Ferrentur

PERFETTO

Attivo: Tulerim Tuleris Tulerit Tulerimus Tuleritis Tulerint

Passivo: Latus, -a, -um sim sis sit Lati, -ae, -a simus sitis sint

PIUCCHEPERFETTO

Attivo: Tulissem Tulisses Tulisset Tulissemus Tulissetis Tulissent

Passivo: Latus, -a, -um essem esses esset Lati, -ae, -a essemus essetis essent

IMPERATIVO

PRESENTE

2ᵃ sing. Fer 2ᵃ pl. Ferte

FUTURO

2ᵃ sing. Ferto 3ᵃ sing. Ferto 2ᵃ pl. Fertote 3ᵃ pl. Ferunto

INFINITO

PRESENTE

Attivo: Ferre

Passivo: Ferri

PERFETTO

Attivo: Tulisse

Passivo: Latum, -am, -um esse Latos, -as, -a esse

FUTURO

Attivo: laturum, -am, -um esse laturos, -as, -a esse

Passivo: latum iri

PARTICIPIO

PRESENTE: Ferens, ferentis

PERFETTO: Latus, -a, -um

FUTURO: Laturus, -a, -um

GERUNDIO: gen. Ferendi dat. Ferendo acc. (ad) ferendum abl. Ferendo

GERUNDIVO: Ferendus, -a, -um

SUPINO

Attivo: Latum

Passivo: Latu

 

Come fero si coniugano i suoi composti:

  • Affero, attuli, allatum, afferre = apportare
  • Antefero, antetuli, antelatum, anteferre = anteporre
  • Aufero, abstuli, ablatum, auferre = portar via
  • Circumfero, circumtuli, circumlatum, circumferre = portare attorno
  • Confero, contuli, collatum, conferre = portare insieme
  • Defero, detuli, elatum, deferre = deferire
  • Differo, distuli, dilatum, differre = differire
  • Effero, extuli, elatum, efferre = portar fuori
  • Infero, intuli, illatum, inferre = portar dentro
  • Offero, obtuli, oblatum, offerre = offrire
  • Perfero, pertuli, perlatum, perferre = sopportare
  • Praefero, praetuli, praelatum, praeferre = preferire
  • Profero, protuli, prolatum, proferre = portare innanzi+
  • Refero, rettuli, relatum, referre = riferire
  • Suffero, sustuli, sublatum, sufferre = sopportare
  • Transfero, transtuli, translatum, transferre = trasferire

 

 

Oltre a volo/nolo/malo e fero, verbi anomali latini sono anche

  • Fio, fis, factus sum, fieri = essere fatto divenire
  • Eo, is, ii (o ivi), itum, ire = andare

 

Anomali sono anche i loro composti.

 

FIO E IL PASSIVO DEI COMPOSTI DI FACIO

Fio, fis, factus sum, fieri è un verbo irregolare di forma semideponente, che appartiene alla quarta coniugazione. Ha tre significati fondamentali:

– “essere fatto” come forma che supplisce il passivo di facio;

– “divenire”, con valore intransitivo;

– “accadere, capitare”, solo in forma impersonale (fit ut, accade che; factum est ut, accade che).

Il tema verbale originario è fi- dal quale però si ricavano solo le forme derivate dal tema del presente, tranne il gerundivo.

 

Per le forme mancanti si ricorre al passivo del verbo facio o ad alcune voci di sum:

– forme passive di facio sono quelle del participio perfetto (factus), del sistema del perfetto, del gerundivo (faciendus) e dell’infinito futuro passivo con il significato di “stare per essere fatto” (factum iri);

– forme di sum sono il participio futuro (futurus) e l’infinito futuro attivo (futurum esse o fore).

 

Ricorda che l’infinito presente (fieri) è di forma passiva e che l’imperfetto congiuntivo segue la terza coniugazione (fiĕrem invece di firem).

 

INDICATIVO

PRESENTE: Fio Fis Fit (Fimus) (Fitis) Fiunt

IMPERFETTO: Fiebam Fiebas Fiebat Fiebamus Fiebatis Fiebant

FUTURO SEMPLICE: Fiam Fies Fiet Fiemus Fietis Fient

PERFETTO: Factus, -a, -um sum es est Facti, -ae, -a sumus estis sunt

PIUCCHEPERFETTO: Factus, -a, -um eram eras erat Facti, -ae, -a eramus eratis erant

FUTURO ANTERIORE: Factus, -a, -um ero eris erit Facti, -ae, -a erimus eritis erunt

CONGIUNTIVO

PRESENTE: Fiam Fias Fiat Fiamus Fiatis Fiant

IMPERFETTO: Fierem Fieres Fieret Fieremus Fieretis Fierent

PERFETTO: Factus, -a, -um sim sis sit Facti, -ae, -a simus sitis sint

PIUCCHEPERFETTO: Factus, -a, -um essem esses esset Facti, -ae, -a essemus essetis essent

IMPERATIVO

PRESENTE: 2ᵃ sing. Fi 2ᵃ pl. Fite

FUTURO: 2ᵃ sing. Fito 3ᵃ sing. Fito 2ᵃ pl. Fitote 3ᵃ pl. (manca)

INFINITO

PRESENTE: Fieri

PERFETTO: Factum, -am, -um esse Factos, -as, -a esse

FUTURO: futurum, -am, -um esse futures, -as, a esse

PARTICIPIO: factum iri (valore passivo)

GERUNDIO

PRESENTE: Faciendus, -a, -um (manca)

PERFETTO: Factus, -a, -um

FUTURO: Futurus, -a, -um

 

Fio funge anche da passivo di facio.

I verbi composti di facio formano il passivo in due modi diversi.

  • I composti con elementi di più sillabe (radicali verbali o avverbi, come satis) e che escono in -facio mantenendo nell’attivo l’-a- radicale formano il passivo in fio

ATTIVO: calefacio (scaldo); patefacio (manifesto); satisfacio (soddisfo)

PASSIVO: calefio (sono riscaldato); patefio (sono manifestato); satisfio (sono soddisfatto)

  • I composti con elemento monosillabico che escono in -ficio hanno il passivo in -ficior

ATTIVO afficio (rendo); conficio (compio); reficio (ristoro);

PASSIVO afficior (sono reso); conficior (sono compiuto); reficior (sono ristorato).

 

 

“EO” E I SUOI COMPOSTI

Il verbo eo, is, ii (o ivi), itum, ire (“andare”) nelle forme che derivano dal tema del presente mostra una serie di anomalie. Non presenta anomalie nelle forme derivanti dal perfetto. Nell’uso prevale la forma ii (anziché ivi) anche contratta in ī quando è seguita da -s- (isti, issem ecc.). I tempi derivanti dal tema del supino sono regolari.

 

INDICATIVO

PRESENTE: Eo Is It Imus It is Eunt

IMPERFETTO: Ibam Ibas Ibat Ibamus Ibatis Ibant

FUTURO SEMPLICE: Ibo Ibis Ibit Ibimus Ibitis Ibunt

 

CONGIUNTIVO

PRESENTE: Eam Eas Eat Eamus Eatis Eant

IMPERFETTO: Irem Ires Iret Iremus Iretis Irent

 

IMPERATIVO

PRESENTE: 2° singolare i ; 2°plurale ite

FUTURO: 2° singolare ito; 3° singolare ito; 2°plurale itote; 3°plurale eunto

 

INFINITO: Ire

PARTICIPIO PRESENTE: Iens, euntis

GERUNDIO: genitivo eundi; dativo eundo; accusativo (ad) eundum; ablativo eundo

Eo è un verbo intransitivo, quindi non esistono forme passive se non nelle espressioni impersonali (itur, “si va”; ibatur, “si andava”; itum esti, “si andò”).
Esiste anche l’infinito passivo iri, sempre con valore impersonale, utilizzato per formare l’infinito futuro passivo della coniugazione regolare (amatum iri, “stare per essere amato”).

I composti di eo sono numerosi e si coniugano come il verbo semplice

Ecco i più usati:

  • Abeo, -is, abui, abitum, abire = andar via
  • Adeo, -is, adii, aditum, adire = affrontare
  • Anteeo, -is, anteii, anteitum, anteire = superare
  • Curcumeo, -is, circumii, circumitum, circumire = circondare
  • Coeo, -is, coii, coitum, coire = riunirsi
  • Exeo, -is, exii, exitum, exire = uscire
  • Ineo, -is, inii, initum, inire = entrare
  • Intereo, -is, interii, interitum, interire = perire
  • Obeo, -is, obii, obitum, obire = andare verso
  • Pereo, -is, perii, (periturus), perire = perire
  • Praeeo, -is, praeii, praeitum, praeire =precedere
  • Praetereo, -is, praeterii, praeteritum, preterire = passare oltre
  • Prodeo, -is, prodii, proditum, prodire = abanzare
  • Redeo, -is, redii, reditum redire = ritornare
  • Subeo, -is, subii, subitum, subire = subire
  • Transeo, -is, transii, transitum, transire = attraversare
  • Veneo, -is, venii, venire = essere venduto

 

Alcuni composti formati con un prefisso che regge l’accusativo, come transeo, ineo, praetereo sono transitivi e presentano le regolari forme passive.
Pereo manca del supino, ma ha il participio futuro (periturus); è spesso usato con il significato di “sono mandato in rovina” come passivo di perdo (“mando in rovina”) che non ha un passivo proprio.
Veneo manca del supino e viene utilizzato con il significato di “sono messo in vendita” come passivo di vendo (“vendo, metto in vendita”) che non ha forme passive proprie.

Due composti particolari di eo sono queo, quivi, quire (“potere”) e nequeo, nequivi, nequire (“non potere”), usati raramente, per lo più all’indicativo perfetto e al congiuntivo.

 

Se vuoi ripassa “le 4 coniugazioni in latino

E i verbi greci? Ti consigliamo di leggere “Verbi greci più o meno comuni“.

Buona lettura!

 

Condividi con:


4 Aprile 2020

Greco e latino Copyright © 2020 Service hde P.IVA 07611461216 Tutti i diritti riservati

      logo service hde piccolo