L’idea di “vedere” in greco

L’idea di “vedere” in greco: molti verbi, molte sfumature diverse

(a cura di Antonio Mastrogiacomo)

 

Più e più volte abbiamo notato come diversi verbi greci vengano risolti impiegando una sola traduzione per l’italiano.

Pensate a tutte le sfumature lessicali che vengono meno quando traducete dal greco il verbo italiano “vedere”.

Proprio la lingua greca si dimostra particolarmente accorta nell’indicare diverse possibilità, già nella lista di verbi che si prestano alla nostra residua scelta lessicale: ὁράω, βλέπω, θεάομαι, θεωρέω, ἀθρέω, λεύσσω, σκέπτομαι, σκοπέω.

 

IDEA: etimologia della parola idea

Prima di rivolgerci singolarmente ad ognuno di loro, vorremmo preliminarmente indicare il residuo visivo del pensiero decifrando l’etimologia della parola “idea”.

Questo lemma è infatti da ricondursi al greco antico e precisamente nella radice -ἶδ (-id) che ritroviamo nella forma verbale ε-ἶδ-ον, aoristo del verbo ὁράω (vedere), e nel latino v-id-ere.

Il concetto di “idea”, quindi, è strettamente legato a quello di visione, di immagine, di rappresentazione mentale che può corrispondere o a un oggetto o ad una realtà esteriore, oppure può essere anticipatrice, intuitrice di una realtà esteriore (come nel caso delle scoperte o delle invenzioni) o, ancora, può essere di pura fantasia.

In tutti i casi, essa è espressione di quella straordinaria capacità umana di pensare, di essere coscienti ed autocoscienti.

E abbiamo facilmente misurato il peso della vista in questa faccenda dai foschi contorni filosofico-teologici.

 

  1. ἀθρέω

osservare attentamente, penetrare con la vista per rendersi conto e capire bene (esaminare attentamente)

 

  1. βλέπω

vedere, guardare, volgere lo sguardo verso un punto determinato.

Accompagnato da una negazione, indica la cecità:  μὴ βλέπειν

 

  1. θεάομαι

essere spettatore di. Facendo riferimento ad una serie di altre voci lessicale, più chiare ancora si fanno le parentele

θέατρον: teatro

θεατής: spettatore

οἱ θεώμενοι: gli spettatori

ἡ θέα: la vista

N.B. Nel gergo militare significa passare in rassegna o anche partecipare, assistere alla guerra.

 

  1. θεωρέω

guardare con interesse intellettuale, osservare con interesse come spettatore nei giochi e negli spettacoli

 

  1. λεύσσω

guardare fisso, tenere lo sguardo su, essere guardingo

 

  1. ὁράω

Ci prendiamo qualche riga in più per questo verbo di singolare importanza.

– Il verbo ὁράω nasce come verbo essenzialmente intransitivo: volgere lo sguardo su, fissare lo sguardo su, …

– Ben presto nell’evoluzione della lingua greca ὁράω assume significato transitivo: mirare, guardare.

– Nel perfetto οἶδα e nell’aoristo forte εἷδον il verbo ὁράω assume il significato: comprendere, sapere (per aver visto).

 

  1. σκέπτομαι

Nato come verbo essenzialmente intransitivo col significato di guardare attentamente, dai significati originari il verbo σκέπτομαι indicò poi considerare, esaminare, …

οἱ Σκεπτικοί, gli Scettici riflettendo sulle cose dubitavano di tutto

 

  1. σκοπέω

Stessa radice del verbo precedente (σκέπτομαι) si usa solo al presente e all’imperfetto e significa “cercare con lo sguardo”.

 

consiglioVi consigliamo di prestare particolare attenzione sul vocabolario quando in una versione di greco vi imbattete in uno di questi verbi greci.

Condividi con:


18 Gennaio 2021

0 responses on "L'idea di “vedere” in greco"

Leave a Message

Greco e latino Copyright © 2021 Service hde P.IVA 07611461216 Tutti i diritti riservati

      logo service hde piccolo